Cos'è il danno? - Studio Bosco S.r.l.

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 

Danno da fermo tecnico

Quando subisci un incidente stradale la tua auto resta ferma per il tempo necessario alla riparazione.
In questo tempo paghi il bollo, l'assicurazione, e le rate del finanziamento.
Ma non usi la macchina: al lavoro ci vai in bicicletta, la spesa te la fai un poco per volta, e il bambino a scuola? 
Anche questi sono danni che meritano un risarcimento

La svalutazione del mezzo

Quando la vettura subisce un danno importante, per quanto ben riparata, non è più la stessa macchina.
I pezzi nuovi assemblati con pezzi vecchi non rinvigoriscono, anzi, indeboliscono la struttura. 
Inoltre può sempre venire a galla qualche problema collegato al sinistro.

Costi di riparazione del danno superiori al valore della vettura
FRAM
Anche la perdita del tempo necessario per avere una nuova vettura è un danno risarcibile

Il danno biologico

In materia di responsabilità civile, quando la frattura viene provocata da altri in violazione di una legge, è opportuno considerare il danno nell'interezza  dell'espressione umana, e comprendere anche i risvolti psicologici che tale menomazione comporta.
Ciò assume il nome di DANNO BIOLOGICO

Invalidità permanente

Rompersi una gamba riduce anche per il futuro la possibilità di espletare pienamente le proprie funzioni vitali.
Quando tale riduzione viene valutata limitatamente alla funzionalità fisica dell'individuo assume il  titolo di invalidità permanente e tale invalidità trova indennizzabilità anche nelle polizze di infortunistica privata.

Danno morale

• Il danno morale è un'emozione, è un dolore dell'anima, un patema, un'ansia, un timore, una depressione psichica.
Le compagnie assicurative non vogliono riconoscerne la risarcibilità per danni fino a nove punti di invalidità permanente.
L'ordinamento giuridico nazionale però la prevede ogni volta che un danno fisico sia stato provocato in violazione di un articolo di legge.

Il danno esistenziale

• Quando il danno biologico assume anche significati sociali, culturali ed estetici ( impossibilità di andare a ballare, a giocare a biliardo, di correre in bicicletta, di incontrare gli amici, eccetera) diventa indispensabile la sua considerazione in quanto ciò comporta anche la necessità di cure più assidue da parte dei famigliari per evitare lo sfociare in situazioni peggiori come la depressione e peggio.

Il danno patrimoniale

Parrebbe una cosa essenzialmente venale, ma in realtà, pur trattandosi di semplice denaro, ha una valenza spesso importante: il pompiere, o il poliziotto che a causa dell'infortunio non può accedere alle indennità di servizio, il lavoro che non è stato svolto, e conseguentemente non è stato pagato, sono casi frequenti, ma non ci si ferma lì.
Pensiamo per esempio ad un pianista che, a causa di un incidente, perde un dito, o lo rompe in modo tale da non poterlo più usare.
Quanto perderà per i concerti che non potrà più tenere?  
Quanto tempo gli costerà ricostruire la propria cultura, e la propria vita rapportandosi alla nuova situazione?

Il danno biologico in itinere

Ciò che viene pagato dall'Inail risponde a criteri patrimoniali: quanto si perde in busta paga, e criteri biologici.
Per quanto concerne il danno biologico pagato dall'Inail è necessario considerare che i criteri di valutazione sono diversi, e inferiori di quelli della responsabilità civile.
L'invalidità permanente, per esempio, assume valori proporzionati con quanto versato in contributi, per cui, a paga bassa corrisponde indennizzo basso, a paga alta corrisponde indennnizzo alto.
Il danno morale non è corrisposto dall'Inail.
Il danno da inabilità temporanea biologica non è corrisposto dall'Inail.

Il danno mortale

• può riguardare molte persone che abbiano stretto legame affettivo/parentale con la vittima.
L'ordinamento giuridico prevede per questi il risarcimento del danno morale derivante loro dalla sofferenza dovuta alla perdita della persona cara (iure proprio) .
Tale diritto non impegna le eredità.
Il danno mortale produce un diritto proprio derivante dal danno morale 
dei figli, del coniuge, dei figliastri, di altri congiunti e anche "quasi" congiunti.
Il danno biologico nel caso mortale entra, invece, nel diritto ereditario.

Conclusione:

la buona valutazione di un danno è frutto di una attenta analisi.
Il giusto risarcimento è frutto di discussione tra portatori di tesi e di interessi contrastanti, parimenti legittimi, ma contrastanti.
 
Contatti
E-mail
info@boscorisarcimenti.it
sosinfortuni@pec.it

Tel: 0381.691874 
Fax: 0381.78968

Sedi

Vigevano: via San Giacomo, 2
Pavia: via Damiano Chiesa, 14
Robbio: via Ipporidie, 2

Assistenza On-line


© Studio Bosco S.r.l. Via San Giacomo, 2 - Vigevano - 27029 (Pv)  Tel. 0381-691874  -  Fax 0381-78968 P.I. 02029210180
E-mail: info@boscorisarcimenti.it   pec: sosinfortuni@pec.it

 
Torna ai contenuti | Torna al menu